LA PALAZZINA

Materiali ed elementi originali recuperati grazie alla collaborazione scientifica del FAI, lucernari, nuovi collegamenti di luce e un sottile giardino verticale nel susseguirsi di ambienti che si snodano per 1800 mq sui tre piani della Palazzina, caratterizzata dalla ciminiera per il riscaldamento a carbone delle docce.

Al primo piano 600 mq di terrazza panoramica accessibile dal giardino e dalle piscine e 160 mq di foresterie per gli artisti. Al pian terreno, affaccio su giardino e piscine per il Ristorante/Bar, luce dall’alto nelle Sale: Mosaico, 160 mq, ideale come spazio espositivo e Grande, 170 mq polifunzionali. Nuove sequenze di luce dalla Zenitale, 90 mq con pavimento in vetro, alla Zenitale Interrata di 100 mq.

RISTORANTE / BAR

Occupa due sale della Palazzina e due aree all’aperto con tavoli: una nel giardino di 100 mq collegata con  un’altra di 200 mq sulla terrazza al primo piano della Palazzina da cui si gode la vista panoramica delle piscine. La sala al pian terreno, affacciata sul giardino, è di 60 mq con 50 posti ai tavoli e 6 al bancone. La cucina è di 40 mq. La sala al piano interrato, Zenitale Interrata, illuminata dall’alto, è di 75 mq (escluse le scale) e può essere utilizzata come sala supplementare con 62 posti ai tavoli e 6 al bancone. Tutti gli spazi, interni ed esterni, sono collegati.

SALA MOSAICO

La sala degli spogliatori con il suo bellissimo lucernario diventa uno spazio per esposizioni e installazioni che valorizza, come memoria del luogo, la navata centrale nella sua condizione originale di reperto. Le porte, un tempo di accesso alle docce, si aprono ora sullo spazio libero intorno.

SALA GRANDE

La sala più capiente della Palazzina, caratterizzata da un lucernario, è progettata per essere adattabile a contenuti e  manifestazioni diverse. Lo spazio centrale, delimitato da un muretto, crea un impluvio di luce. Questa particolarità è sottolineata dal cambiamento di materiale a pavimento e dalla rasatura a gesso dei muri e del lucernario.

SALA ZENITALE

L’essenzialità di questo ambiente polifunzionale che accoglierà manifestazioni, performance e conferenze sarà connotata dall’apertura nel soffitto di un nuovo lucernario e da un pavimento in vetro che darà luce alla sala interrata (Zenitale Interrata) creando un collegamento luminoso fra l’esterno della terrazza, il pian terreno e quello interrato.

CAVEDIO

Il cavedio diventa un luogo di collegamento interno della Palazzina e al contempo una vera e propria stanza verde all’aperto con una semplice tettoia nella parte centrale e due sottili giardini verticali sui due lati liberi all’aperto.