La Palazzina

La situazione reale della Palazzina si era rivelata ben peggiore delle aspettative, le armature in ferro erano completamente corrose ed si è dovuta effettuata la demolizione di tutti i solai. Materiali ed elementi originali sono stati recuperati grazie alla collaborazione scientifica del FAI. Lucernari e nuovi collegamenti di luce caratterizzano il susseguirsi di ambienti che si snodano per 1800 mq sui tre piani della Palazzina, caratterizzata dalla ciminiera per il riscaldamento a carbone delle docce.

Al primo piano 600 mq di terrazza panoramica accessibile dal giardino e dalle piscine e 160 mq di foresterie per gli artisti. Al pian terreno si presenta un affaccio su giardino e piscine per il Bistrot con luce dall’alto nelle Sale: Mosaico, 160 mq, ideale come spazio espositivo e Sala Testori, 170 mq polifunzionali. Sequenze di luce dalla Zenitale, 90 mq con pavimento in vetro, alla Zenitale Interrata di 100 mq.

Prima dell’estate inizieranno i lavori nei vecchi appartamenti del custode della piscina per farli diventare delle delle foresterie per artisti in stile con l’estetica del teatro.

 


Le sale nella palazzina

BISTROT

SALA MOSAICO

SALA TESTORI

SALA ZENITALE

CAVEDIO

L’INGRESSO


 

La situazione prima dei lavori